libere professioniste

Non ho molto tempo per scrivere ultimamente, ma al solito mi segno un articolo ben fatto, anche se un po fazioso.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/08/20/prostituzione-proibire-o-legalizzare-ecco-le-regole-nei-paesi-europei/685290/

Annunci

19 Risposte to “libere professioniste”

  1. Silver Silvan Says:

    Quando vedo certi esseri repellenti mi chiedo come si faccia a fare certe robe con loro, ci vuole uno stomaco di ferro. Credo che la prostituzione abbia a che fare col bisogno di sentirsi al centro dell’attenzione per qualcuno, come quando si era bambini. Elena Gianini Belotti sottolinea, nel suo Dalla parte delle bambine, come le bambine vengano educate con un vero e proprio lavaggio del cervello che inizia dai primi mesi a fare a meno dell’attenzione, più che a riceverla, proprio in vista del futuro accudimento familiare che le aspetta. Nel frattempo, i tempi sono cambiati e gli uomini che sono stati cresciuti con questa aspettativa di attenzione si ritrovano ad avere a che fare con donne che non si sognano minimamente di dargliela e subiscono questa cosa con un senso di mancanza alla quale sopperisce la prostituzione. A pagamento.

  2. non saprei dire quale sia il movente , suppongo ce ne siano diversi e non tutti uguali per tutti.
    So solo che non riesco a dire che le prostitute che ho visto ad Amsterdam siano più squallide di quelle che popolano i viali di dove abitavo.
    L’articolo mi piace perchè spiega bene, secondo me, come la via di mezzo Italiana sia il metodo peggiore per gestire il fenomeno.
    O la proibiamo del tutto (ne guadagniamo apparentemente in decoro anche se non elimina il fenomeno e sicuramente in moralità civica) o la regolamentiamo ( ne guadagnano sicuramente il bilancio statale, la salute e il decoro delle città).

    Pensavo oltrettutto che anche la criminalità sarebbe stata fiaccata da una regolamentazione, ma pare che l’articolo in parte smentisca questo aspetto.

    Comunque sia, quel che stiamo facendo è il peggio che si possa fare. As usual.

    • Silver Silvan Says:

      Mah, se la scelta è volontaria, per quanto discutibile (da un punto di vista soggettivo), nulla da eccepire: credo che ci sia sicuramente chi lo considera un lavoro e cavoli suoi. Diverso il discorso dello sfruttamento, ignobile anche per chi raccoglie pomodori, per dire.

  3. non vedo l’ora che legalizzino la prostituzione così il mondo cambierà in meglio e potremmo correre nei prati felici tenendoci la mano e guardando gli arcobaleni.

  4. Ti parlo comunque del fatto che “L’attimo fuggente” l’ho visto quand’è uscito. Fai tu.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: