Dio, se ci sei batti un colpo. Ma forte.

Ora mi dico io … che differenza c’è tra un capo indiano “selvaggio” che fa la danza della pioggia e un prete che prega il suo Dio per la stessa cosa?

Beh, ce ne sono parecchie.

Che i primi sono stati sterminati , e i secondi viaggiano con i collanoni d’oro che manco i peggio rapper
Che i primi erano solo “coreografici selvaggi”, i secondi sono ministri di una superpotenza moderna
Che i primi è risaputo che si sfogavano ballando e fumando peyote, e pertanto riprovevoli, mentre si scopre che un numero sempre maggiore dei secondi si sfoga con i bambini.
Che dei primi sto parlando al passato, e dei secondi vorrei tanto farlo.

Certo, si potrebbe dire che sono coglioni entrambi a fare la danza della pioggia pensando che un qualche dio li ascolti.

Ma i secondi vivono e operano nel XIX secolo.

(spunto da Donzauker.it)

Annunci

2 Risposte to “Dio, se ci sei batti un colpo. Ma forte.”

  1. Io lo vedo quando vado in campagna: se prendo una pianta infestante e la strappo tutta ma mi sfugge una radichetta… la pianta si propaga da capo più forte di prima.
    Se invece prendo una pianta pregiata che intendo spostare ed espianto tutte le radici tranne un pezzo… la pianta muore, senza scampo.

    Il Medioevo li ha resi più forti, altroché! -_-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: