Un Matto

Il mio paesino ha il tipo svitato (ogni paesino che si rispetti ne ha uno). Parla lo stretto dialetto della valle con la voce identica a Paperino, il che lo rende abbastanza difficile da capire.
Ti osserva truce ogni volta che passi fino a che arrivi lontano e non parla molto. Se lo saluti gracida “‘gnaèo”. I bambini ne hanno paura generalmente, tranne i più audaci che in gruppo lo prendono in giro salvo tenersene poi a debita distanza quando sono soli.

Ieri era in vena di chiacchere e visto che quel che mi urlava dall’altra parte del prato non era comprensibile per me povero italiota, ha pazientemente aspettato che giungessi fino da lui per farmi un poco probabile discorso sugli alberi che sfioravano i balconi delle case ( o almeno io ho capito cosi). Poi mi ha mostrato con un sorrisino il cellulare e mi ha chiesto se sapevo modificargli la modalità silenziosa. Già da lontano lo sfondo del cellulare mi aveva acceso un campanello ma non avevo capito bene.
Guardandolo da vicino, ho notato che era proprio una ragazza ammiccante intenta in qualche pratica pornografica ma poi sono passato ai vari menu per risolvergli il problema.

Mentre spippolavo (termine tecnicissimo per indicare il diteggiamente casuale sui tasti) il primo pensiero è stato “Ah si, bravo, come a scuola fa finta di niente e mi mette la foto davanti per vedere come reagisco”. Ero a metà tra il perplesso ed il divertito, da lui non me l’aspettavo e l’idea che potesse mostrare pornografia o peggio ai bambini non mi rassicurava. D’altra parte al momento era ben sotto il mio livello di scandalo.

Il secondo pensiero è stato “come ha fatto a cercarsi e mettersi uno sfondo simile se non è nemmeno capace di cambiare la suoneria?”. E allora ho pensato alla società selvaggia del posto di lavoro, dove il più debole viene spintonato, emarginato, sbeffeggiato e nei casi migliori è oggetto di bonaria goliardìa.

Allora ho avuto un lampo, l’immagine dei suoi colleghi (lavora con gli stradini) che gli giocano qualche scherzo e gli mettono questi sfondi che lui non sa togliere. E mi sono sentito un po’ di merda. Non tantissimo, ma un po’ si.

In conclusione forse non sapro’ mai come è andata, ma è stato un altro vivissimo esempio dei meccanismi che scattano quando siamo colti di sorpresa, quando le convenzioni sociali vengono meno e l’unica cosa che ci rimane è l’istinto. E come spesso la spiegazione si possa cercare più a fondo.

Non mi sono piaciuto, ma è andata un po’ meglio dell’altra volta (ne scrivero’ forse in futuro).

Annunci

5 Risposte to “Un Matto”

  1. regulus21 Says:

    E’ da manuale, altro che preoccuparti di come hai reagito!
    Prima pensi il peggio nei tuoi confronti, poiché in caso di attacco, tu abbia il tempo per difenderti; poi entra in campo la ragione, che sterilizza tutto e lo rende poco divertente.
    Infine la roba più plausibile, che mette in croce tutti, perché siamo bravi a trovare cattiveria ovunque 😀

    Contento? Pensa che avresti potuto reagire in altri modi meno sani, tipo:
    – prendi in mano il telefono, ti accorgi della donna nuda e lo molli di scatto, correndo e urlando “AAAAAAHHHHH la mia religione non me lo permetteeeeeEEEEEE!”
    – prendi in mano il telefono, ti accorgi della donna nuda e gli chiedi con fare ammiccante: “Quanto s’è preso l’ultima volta, eh? Porcellone!”

    Sipario.

    🙂

  2. jackilnero Says:

    Eh eh … la realtà è che mi piacerebbe passare alcuni limiti e rigidità che so di avere. Anche il titolo non è a caso, ispirato ad una persona che su vinti e derelitti ha cantato delle poesie stupefacenti.

    Ecco, mi piacerebbe poter avere un po’ più dell’umanità che delle volte ci scordiamo.

    Questo deve essere l’anno della flessibilità…

  3. regulus21 Says:

    Il fatto che tu riconosca di avere dei limiti è già un passo avanti verso il loro superamento. Ogni volta che ti accorgerai di essere sul limite e di non poter andare avanti, sarai GIA’ più avanti della volta precedente.
    Ciao BlackJack 😀

  4. jackilnero Says:

    Ma sai che sei saggio? non si direbbe e invece….

    (scherzo :P)

    • regulus21 Says:

      Se aguzzi la vista, c’ho anche la faccia da scemo, la camminata da ladro e il gomito del tennista. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: